Cavallerleone

Sorprese sulla via verde della seta

Una deviazione a Cavallerleone può riservare interessanti sorprese. Una curiosità risiede già nel nome. Con la vicina Cavallerlmaggiore ne condivide la prima parte richiamando i tempi antichi quando sul territorio vi erano forse allevamenti di cavalli da lavoro. Ai feudatari Nucetto di Ceva e in particolare ad un certo Leone, si dovrebbe invece la seconda parte del nome Caballarium Leonis. L'abitato nacque come ricetto i cui antichi confini sono ancora riconoscibili passeggiando tra le vie Sant'Antonio, San Giovanni e via Statuto e scoprendo piccole tracce del passato medievale nonché altre inattese curiosità. Il piccolo borgo fortificato si arricchì con il tempo di un potente castello che meriterebbe maggiore cura e più tardi di palazzi nobili costruiti per volontà di alcuni tra i tanti vassalli di Cavallerleone.
Tra questi meritano attenzione il Palazzi Branzola e Carron-Ceva e l'interessantissimo Palazzo Balbo Ferrero i cui restauri stanno evidenziando particolari decorativi di pregio. Oggi Cavallerleone è inserita nel percorso “La via verde della seta” grazie alla presenza di un importante filatoio costruito tra metà Settecento e la fine dell'Ottocento. L'edificio rappresenta uno degli esempi architettonicamente più significativi della Provincia di Cuneo. Appartenuto alla famiglia Tana, ingrandito dai Gioanetti e poi dagli industriali di Valenza Fratelli Ceriana, ebbe oltre 200 operai e fu attivo fino al 1936. Cessò di operare per mancanza di manodopera lasciando un'eredità importante in termini architettonici e di ricordi nella popolazione.

Distanze
  • Dal Sentiero sul Maira al Palazzo Municipale: circa 870 metri – 17 minuti a piedi
Ristorazione Trasporti pubblici

SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

Seleziona la tua lingua

COUNTRY TRAVEL TOUR OPERATOR
Via Pascal, 7 - 12100 Cuneo Tel. 0171/69.62.06 - 0171/69.87.49 - Partita Iva 02063980045